Appena terminato l’ascolto di “Raffaele Bellafronte: Guitar works”: un vero e proprio elogio dell’orchestralità dello strumento; e dal punto di vista dell’esecuzione, e dal punto di vista della scrittura per chitarra.