“… Bellafronte percorre un iter fortemente soggettivo in continua evoluzione e in totale apertura rispetto al “già detto” che, con lucidità culturale e ironia, si liquefa per una nuova fusione….”