“… siamo rapiti dalla raffinata scrittura strumentale, dall’uso delicato degli archi che creano argentate atmosfere sulle quali il solista medita, dialoga anche animosamente e dà vita a momenti di vero incanto.”