“… si serve di un linguaggio eclettico e imprevedibile, doti che in un giovane artista di fine secolo non possono non sembrare positive.
… L’accoglienza calorosa del pubblico presente lascia sperare in un prossimo ritorno di Bellafronte e della sua musica sulla scena americana.”