Finalmente un compositore che sa trattare le sei corde. Il suo linguaggio è denso di sfumature multiformi: in esso è fortemente impressa una non banale colorazione cameristica che rivela una fervida immaginazione timbrica anche quando l’organico strumentale è di piccole dimensioni.