Para una milonga…Il compositore perciò prende spunto da una parola che rimanda inequivocabilmente ad un genere, ma da essa si discosta subito per navigare dentro il mondo della danza in modo più libero e visionario. Inoltre nella sua scrittura c’è il tentativo di sfuggire agli idiomi fisarmonicistici per cercare un significato più profondo sia a livello melodico, armonico e ritmico che di micro strutture polifoniche.