“Brano sfaccettato e ricco questo Hypnòs di Raffaele Bellafronte. … Il linguaggio è molto personale e si muove con disinvoltura tra residui tonali (sarebbe meglio dire post-tonali …) e più puntute aggregazioni per seconde, quarte e quinte. …”